Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Camera di Commercio di Cagliari - Requisiti per l'esercizio dell'attivitÓ



sabato 8 agosto 2020


Men¨ principale



Diritto Annuale

verifichePA


Fatturazione Elettronica



Requisiti per l'esercizio dell'attivitÓ

L'attività di installazione di impianti può essere esercitata previa verifica del possesso, in capo al Responsabile Tecnico nominato, dei requisiti morali (art. 85 codice Antimafia) e professionali previsti dall’art. 4 D.M. n. 37/2008.

 

Il Responsabile Tecnico può essere:

 

  • titolare - legale rappresentante lavorante; amministratore lavorante; socio lavorante; collaboratore familiare lavorante (imprese/società artigiane) con debita iscrizione all’INPS;

 

  • associato in partecipazione (in casi residuali, quindi a contratto in essere ante l’entrata in vigore dell’art. 53 Dlgs. n. 81/2015);

 

  • institore o procuratore speciale nello specifico ramo d’azienda, la cui nomina deve avvenire con scrittura privata autenticata dal Notaio e depositata al Registro delle Imprese ai sensi degli artt. 2203 e 2206 c.c. (la procura institoria e/o speciale deve riguardare lo specifico ramo d’azienda).

 

Per le imprese artigiane i requisiti tecnico professionali devono essere posseduti dal titolare dell’impresa individuale, dal socio unico di S.R.L. unipersonale, dal socio lavoratore di S.N.C. o di S.R.L. pluripersonale, dal socio accomandatario di S.A.S. (consultare l’apposita sezione del sito camerale).

 

Il responsabile tecnico dell’impresa può svolgere la sua funzione per una sola impresa e la qualifica è incompatibile con ogni altra attività continuativa ai sensi dell’art. 3 D.M. n. 37/2008.

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

In attesa che si definisca la cooperazione informatica tra Registro Imprese/ComUnica e Sportello SUAPE, nella Regione Sardegna i requisiti morali e professionali sono oggetto di autocertificazioni rese nell’ambito della DUA (Dichiarazione Unica Abilitativa, equivalente alla Segnalazione Certificata di Inizio Attività) da presentare al SUAPE di competenza con le modalità descritte nella sezione Modalità presentazione pratiche-verifiche modulista SUAPE (L.R. n. 1/2019).

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Requisiti tecnico-professionali

 

Il responsabile tecnico deve possedere uno dei seguenti requisiti tecnico professionali:

 

a)     titolo di studio

 

diploma di laurea in materia tecnica specifica conseguito presso una università statale o legalmente riconosciuta, utile ai fini dello svolgimento dell’attività;

 

a bis) diploma di tecnico superiore

previsto dalle linee guida di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 25 gennaio 2008, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 86 dell'11 aprile 2008, conseguito in esito ai percorsi relativi alle figure nazionali definite dall'allegato A, area 1 - efficienza energetica, al decreto del Ministro dell'istruzione, dell'università' e della ricerca 7 settembre 2011;

 

b)     titolo di studio ed esperienza professionale

  • diploma o qualifica conseguita al termine di scuola secondaria di secondo ciclo con specializzazione attinente l’attività, seguiti da un periodo di inserimento, di almeno due anni continuativi, alle dirette dipendenze di un’impresa del settore. Il periodo di inserimento per l’attività di installazione di “impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie” è di un anno;
  • titolo o attestato conseguito ai sensi della legislazione vigente in materia di formazione professionale, previo un periodo di inserimento, di almeno quattro anni consecutivi, alle dirette dipendenze di un’impresa del settore. Il periodo di inserimento per l’attività di installazione di “impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie” è di due anni.

 

L’attività lavorativa deve essere stata svolta nel medesimo settore per il quale si chiede il requisito tecnico professionale, escludendo le attività amministrative – contabili.

 

Il Responsabile Tecnico può maturare la sua esperienza lavorativa in qualità di:

 

  • titolare, amministratore, socio, tutti lavoranti iscritti all’Inail per attività tecnico manuale;
  • collaboratore familiare, lavorante iscritto all’Inail per attività tecnico manuale;
  • dipendente con la qualifica di operaio;
  • per l’associato in partecipazione, lavorante iscritto all’Inail per attività tecnico manuale, il requisito, per le persone fisiche, non viene più considerato valido a seguito dell’entrata in vigore dell’art. 53 Dlgs. n. 81/2015 e quindi a far data dal 25.06.2015 (per approfondimenti, si rinvia alle precisazioni sul Mod. B29 nella sezione Modalità presentazione pratiche-verifiche modulista SUAPE)

 

L’esperienza professionale deve essere maturata all’interno di imprese del settore oppure in uffici tecnici di imprese non del settore al cui interno si svolgano mansioni inerenti l’attività di installazione di impianti, a condizione che le suddette imprese abbiano regolarmente iscritto nel Registro delle imprese una struttura interna dedicata all’attività impiantistica.

 

c)   esperienza professionale specializzata

 

Aver esercitato l’attività di installazione di impianti per almeno tre anni, escluso il periodo di apprendistato e quello svolto come operaio qualificato, alle dirette dipendenze di un’impresa del settore (l’attività può essere stata svolta presso un’impresa non del settore, purché la stessa abbia una struttura interna dedicata all’attività impiantistica), nel medesimo ramo di attività dell’impresa stessa, ad esclusione delle attività amministrative – contabili.

Il Responsabile Tecnico può maturare la sua esperienza lavorativa in qualità di:

dipendente operaio installatore con la qualifica di specializzato: vedi tabella dei  livelli  contrattuali dei principali CC.NN.LL.;

  • per l’associato in partecipazione, lavorante iscritto all’Inail per attività tecnico manuale, il requisito, per le persone fisiche, non viene più considerato valido a seguito dell’entrata in vigore dell’art. 53 Dlgs. n. 81/2015 e quindi a far data dal 25.06.2015 (per approfondimenti, si rinvia alle precisazioni sul Mod. B29 nella sezione Modalità presentazione pratiche-verifiche modulista SUAPE)

       

d)     esperienza professionale

Aver esercitato l’attività di installazione di impianti nella forma di collaborazione tecnico – continuativa, per almeno sei anni in un’impresa abilitata/legittimata del settore, nel medesimo ramo di attività dell’impresa stessa, in qualità di:

  • titolare, amministratore, socio, tutti lavoranti iscritti all’Inail per attività tecnico manuale;
  • collaboratore familiare, lavorante iscritto all’Inail per attività tecnico manuale.

 

 

 

Per informazioni rivolgersi a:

REGISTRO IMPRESE

indirizzo Largo Carlo Felice, 70, piano terra - 09124 Cagliari
telefono 06-64892810
mail registro.imprese@ca.camcom.it
note Pec: registroimprese@ca.legalmail.camcom.it // Il numero 06-64892810 Ŕ attivo dal Lunedý al Venerdý (festivi esclusi) dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 17:00