Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Camera di Commercio di Cagliari - Diritto annuale



mercoledì 23 settembre 2020




Diritto Annuale

verifichePA


Fatturazione Elettronica



Diritto annuale

DIRITTO ANNUALE 2020 - DIFFERIMENTO DEI TERMINI DI VERSAMENTO PER I SOGGETTI RICONDUCIBILI AGLI INDICI SINTETICI DI AFFIDABILITA' FISCALE (ISA)

Ai sensi dell’art. 1 del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 giugno 2020, i soggetti che esercitano attività economiche per le quali sono stati approvati gli indici sintetici di affidabilità fiscale (I.S.A.) e che dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito, per ciascun indice, dal relativo decreto di approvazione del Ministro dell'economia e delle finanze, tenuti entro il 30 giugno 2020 ai versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi e dell'imposta sul valore aggiunto correlata agli ulteriori componenti positivi dichiarati per migliorare il profilo di affidabilità, nonché dalle dichiarazioni dell'imposta regionale sulle attività produttive, ove non sussistano le condizioni per l'applicazione dell'art. 24 del decreto-legge n. 34 del 19 maggio 2020, effettuano i predetti versamenti:

 

a) entro il 20 luglio 2020 senza maggiorazione

b) dal 21 luglio al 20 agosto 2020, maggiorando le somme da versare dello 0,40 per cento a titolo di interesse corrispettivo.

 

Il differimento si applica  anche  ai  soggetti  che partecipano a società, associazioni e imprese ai  sensi  degli articoli 5, 115 e 116 del testo unico delle imposte sui  redditi,  di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre  1986,  n. 917, aventi i requisiti indicati nel capoverso precedente.

Il Ministero dello Sviluppo economico, con nota prot. 0160731 del 9 luglio 2020, ha precisato che detto differimento si applica anche al versamento del diritto annuale dovuto per l’anno 2020 dai soggetti rientranti nell’ambito di applicazione del predetto decreto.

 

 

ATTENZIONE AI BOLLETTINI INGANNEVOLI

 

Numerose imprese segnalano di aver ricevuto bollettini precompilati di pagamento che riportano la dicitura “Camera di Commercio” e che contengono:

  • richieste di iscrizione in elenchi, albi e registri che sembrano essere obbligatori (anche per marchi o brevetti);
  • richieste di adesione a servizi o portali;
  • generiche richieste di pagamento che possano dare l'impressione di essere obbligatorie.

Si tratta di proposte commerciali, la cui adesione non è assolutamente obbligatoria e che sono del tutto estranee all'attività istituzionale della Camera di Commercio di Cagliari. Si raccomanda, pertanto, di accertare i contenuti effettivi del materiale ricevuto e di prestare la massima attenzione prima di effettuare qualsiasi pagamento. Si ricorda, infatti, che i pagamenti del diritto annuale devono essere effettuati utilizzando esclusivamente il modello F24 o attraverso il portale PagoPA.

Si invita a consultare il VADEMECUM contro le indebite richieste di pagamento alle aziende predisposto dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato e, nei casi dubbi, si suggerisce di rivolgersi direttamente all’Ufficio Diritto Annuale della Camera di Commercio di Cagliari (telefono 070 60512359/304/322).

____________________________________________________________________________________________

 

Il diritto annuale è il tributo che le imprese iscritte o annotate nel Registro delle imprese, ed i soggetti iscritti solo al REA (Repertorio Economico Amministrativo) sono tenuti a versare alla Camera di Commercio di riferimento in base alla legge (art. 18 L. n. 580 del 29 dicembre 1993, come sostituito dal D. Lgs. N. 23 del 15 febbraio 2010).

La misura del diritto annuale, compresi gli importi minimi e massimi e gli importi dovuti in misura fissa, è determinata con decreto interministeriale dal Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, sentite l'Unioncamere e le Organizzazioni di categoria maggiormente rappresentative a livello nazionale.


Se l'impresa o la società, oltre alla sede principale ha sedi secondarie o unità locali, anche fuori provincia, il pagamento del diritto annuale è dovuto a ciascuna Camera di Commercio competente per territorio, con le eventuali maggiorazioni previste da ciascuna di esse.


La stessa regola si applica alle imprese con sede legale all'estero e dislocamenti in Italia. Per questi ultimi, il tributo è dovuto a ciascuna Camera di Commercio in cui è ubicata la sede secondaria o l'unità locale.

 

Scarica le FAQ

 

 

 

DIRITTO ANNUALE 2020

 

L'art. 28, comma 1, D.L. 24/06/2014 n. 90 convertito con modificazioni in L. 11/08/2014, n.114 stabilisce che "[...] l'importo del diritto annuale di cui all'art. 18 della Legge 29 dicembre 1993 n. 580 e successive modificazioni, come determinato per l'anno 2014, è ridotto [...] a decorrere dall'anno 2017, del 50% [...]". In applicazione della norma citata, il Ministero dello Sviluppo Economico, con propria nota prot. 0347962 dell’11/12/2019 , ha indicato gli importi dovuti dalle imprese a decorrere dal 1° gennaio 2020.

 

Tuttavia è necessario ricordare che lo stesso Ministero con Decreto del 12 marzo 2020 entrato in vigore il 27 marzo 2020, ha autorizzato l'applicazione della MAGGIORAZIONE del 20% di cui all'art. 18, comma 10, L. 580/93. Tale maggiorazione è destinata a finanziare programmi e progetti presentati dalle Camere di commercio, condivisi con le Regioni, ed aventi per scopo la promozione dello sviluppo economico e l'organizzazione di servizi alle imprese.

 

Pertanto:

 

  • le imprese già iscritte al 1° gennaio 2020, dopo aver effettuato il calcolo seguendo le stesse modalità previste per l'anno 2014, dovranno ridurre l’importo ottenuto del 50% e, successivamente, maggiorarlo del 20%;

  • le imprese nuove iscritte dal 1° gennaio 2020, dovranno pagare un diritto annuale nella misura indicata nella “Tabella importi nuove iscritte dal 2018” (che contiene gli importi interamente dovuti già ridotti del 50% e maggiorati del 20%).

 

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi all’Ufficio diritto annuale:

telefono 070/60512359/304-322

e-mail: dirittoannuale@ca.camcom.it

sito istituzionale www.ca.camcom.gov.it nell’apposita sezione “Diritto annuale” è disponibile la normativa completa sulla materia.

 

**************************************************************************************************

 

 

INFORMAZIONI ALL'UTENZA


Per migliorare il Servizio erogato alle imprese, sono state individuate nuove modalità operative per far fronte alle problematiche legate al pagamento del diritto annuale.


Dal 12 Settembre 2016


- per informazioni di carattere generale

E' possibile telefonare ai numeri di telefono 070 60512359/304/322, dalle 9.00 alle 11.00 nei giorni di martedì e giovedì;

- per presentare istanze/richieste particolari:
a) istanze di riesame di cartelle di pagamento;
b) istanze di annullamento di verbali di accertamento;
c) richieste di rimborso o compensazione;
d) richieste di correzione per errati versamenti con F24.
E' possibile inviare una PEC all'indirizzo dirittoannuale@ca.legalmail.camcom.it


In conseguenza di tali nuove modalità operative, e in attesa di attivare a breve un ulteriore servizio su appuntamento, da tale data lo "sportello utenti" situato nel salone della sede camerale è disattivato.

 

 

 

Pagine Correlate

Per informazioni rivolgersi a:

DIRITTO ANNUALE

indirizzo Largo Carlo Felice, 72 - 09124 Cagliari
telefono 070/60512.359-304-322
mail dirittoannuale@ca.camcom.it
note PEC: dirittoannuale@ca.legalmail.camcom.it