Conciliazione telecomunicazioni

AVVISO ALL'UTENZA - UFFICIO MEDIAZIONE - CAMERA ARBITRALE E SPORTELLO DI CONCILIAZIONE 


L'Organismo di mediazione riceverà le istanze di attivazione delle procedure di mediazione esclusivamente on-line, tramite il servizio di ConciliaCamera previa registrazione al sito http://mediazione.infocamere.it - Accedi come utente.

 

*******************************************************************************

I vantaggi


La conciliazione è uno strumento di risoluzione delle controversie previsto dall'ordinamento giuridico e disciplinato dal codice di procedura civile. Essa consiste nella ricerca - facilitata dall'intervento di un terzo esperto ed imparziale (il conciliatore) - di un accordo che, in termini ragionevoli, soddisfi entrambe le parti, ponendo fine al contenzioso. Il ricorso alla conciliazione è totalmente libero e volontario e se non si raggiunge un accordo tra le parti, ciascuna può ritirarsi in qualsiasi momento.

Ma perché scegliere la conciliazione quale strumento di risoluzione della controversia?

perché l'ammontare della lite non è tale da giustificare il ricorso alla giustizia ordinaria, che ha tempi lunghi e costi elevati, mentre la conciliazione è economica o gratuita
perché la conciliazione è veloce e generalmente si risolve in una seduta
perché la conciliazione permette di trovare una soluzione vantaggiosa per entrambe le parti
perché la conciliazione è una formula da tempo affermata con successo in molti Paesi
perché la conciliazione è stata affidata alle Camere di Commercio che - rappresentando istituzionalmente imprenditori e consumatori - garantiscono imparzialità, serietà, efficienza.


Il funzionamento del servizio
1. La segreteria
La segreteria della Camera di conciliazione fornisce alle parti l'assistenza preliminare, con tutte le informazioni utili; riceve le domande di conciliazione; contatta la controparte per favorirne l'adesione alla procedura, occupandosi poi della gestione amministrativa e degli adempimenti richiesti dal regolamento di conciliazione.

2. Il conciliatore
Il conciliatore non decide la controversia ma aiuta le parti a trovare un accordo soddisfacente per entrambe.

Il conciliatore è individuato dalla segreteria tra i nominativi inseriti in una lista formata sulla base di standard minimi definiti a livello nazionale. Solo in casi eccezionali può essere scelto al di fuori della lista.

Le parti possono individuare congiuntamente il conciliatore tra quelli compresi nella lista.

3. Ambito di applicazione
Si possono rivolgere alla Camera di conciliazione tutti i cittadini e le imprese: requisito fondamentale è che le parti siano legate da un rapporto commerciale e che una delle due abbia la residenza o la sede legale nella circoscrizione di competenza territoriale della Camera di commercio (Cagliari e provincia).

4. La domanda di conciliazione
Per attivare la procedura di conciliazione gli interessati si avvalgono di un modulo prestampato (domanda di attivazione della procedura conciliativa), disponibile presso la segreteria della Camera di conciliazione. La domanda di conciliazione e ogni documento che la parte ritenga utile allegare sono depositati in triplice copia presso la Segreteria.

5. Il procedimento di conciliazione
A seguito della presentazione della domanda di avvio della procedura, la segreteria informa l'altra parte nel più breve tempo possibile, invitandola a rispondere entro il termine di 15 giorni. Decorso inutilmente tale termine, la parte che ha depositato la domanda può ritirarla.

Se l'altra parte accetta di partecipare e invia la propria adesione, viene individuato un conciliatore e fissata la data dell'incontro. Le parti partecipano all'incontro personalmente o mediante un proprio rappresentante munito dei necessari poteri. Le parti sono libere di farsi accompagnare da persone di fiducia, da avvocati, da rappresentanti delle associazioni di consumatori o di categoria.

Il conciliatore conduce l'incontro senza formalità di procedura, sentendo le parti congiuntamente e separatamente. Alle parti è assicurato tutto il tempo necessario per svolgere l'incontro di conciliazione e, di norma, un'unica seduta ne esaurisce l'oggetto. In caso contrario, il conciliatore può fissare eventuali altri incontri successivi, a breve intervallo di tempo.

6. Spese procedurali
Al momento del deposito della domanda di conciliazione, la parte dovrà versare la somma di 30 euro a copertura delle spese di avvio della procedura. L'altra parte verserà la stessa somma prima dell'incontro di conciliazione.

Le spese di avvio non sono dovute in alcuni casi:

quando una delle parti della controversia è un consumatore;
quando il tentativo di conciliazione è previsto come obbligatorio dalla legge;
quando le parti depositano una domanda di conciliazione congiunta.
I costi della procedura di conciliazione sono calcolati in base al valore della lite e riassunti in un tariffario approvato dalla Giunta camerale. Il costo di eventuali perizie tecniche disposte dal conciliatore col consenso di entrambe le parti è a carico di queste in eguale misura.

I versamenti devono essere effettuati sul c.c.p. 00520098 intestato alla Camera Arbitrale della Camera di Commercio di Cagliari specificando nella causale "conciliazione ed il nome delle parti".

7. La conclusione del procedimento
La procedura di conciliazione può avere esiti diversi:

il tentativo di conciliazione si considera fallito, con conseguente redazione a cura del segretario o del conciliatore del verbale di mancata conciliazione:
se la parte nei cui confronti è rivolta la richiesta di conciliazione non fa pervenire nei termini stabiliti l'accettazione
se una delle parti non si presenta agli incontri fissati,
se comunque non si riesce a raggiungere un accordo,
se vengono ricusati tutti i nominativi di conciliatori individuati dalla segreteria;
il tentativo di conciliazione si considera riuscito, con conseguente redazione del verbale di conciliazione, se le parti raggiungono un accordo. Tale accordo, sottoscritto dalle parti, dal conciliatore e dal segretario, ha forza contrattuale e vincola le parti ad eseguirlo.
In caso di esito negativo della conciliazione, per rifiuto o mancata comunicazione dell'accettazione entro 45 giorni dal deposito della domanda, la segreteria chiude il procedimento, dandone comunicazione alle parti.

Il verbale di conciliazione dà atto dell'esito dell'incontro, anche in caso di mancato accordo tra le parti

Per informazioni rivolgersi a:

CONCILIAZIONE TELECOMUNICAZIONI

indirizzo Largo Carlo Felice, 66 - 09124 Cagliari
telefono 070/60512352
fax 070/60512324
mail arbitrato@ca.camcom.it
note PEC: conciliazione@ca.legalmail.camcom.it // Orari di sportello al pubblico: dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00