Il procedimento sanzionatorio

AVVIO DEL PROCEDIMENTO
Il procedimento sanzionatorio prende le mosse da un accertamento di violazione delle norme amministrative che un organo accertatore contesta all'interessato.
Dopo la contestazione dell'illecito o la successiva notifica del verbale da parte dell'organo accertatore, possono verificarsi due ipotesi
1. L'interessato pu˛ estinguere il procedimento effettuando il pagamento liberatorio entro 60 gg. cioŔ versando all'erario una somma di denaro corrispondente al doppio del minimo o, se pi¨ favorevole, ad un terzo del massimo della sanzione prevista dalla legge, possibilitÓ che viene segnalata all'interessato nel verbale di accertamento stesso.Se il pagamento viene effettuato tempestivamente , il procedimento si estingue senza nessuna altra conseguenza per il cittadino
2. Se viceversa il cittadino decide di non pagare, il procedimento prosegue.In tal caso l'organo accertatore trasmette un rapporto all'Ufficio Sanzioni della Camera di Commercio, al quale l'interessato pu˛ far pervenire, entro 30 gg. dalla contestazione o dalla notifica del verbale, scritti difensivi (coi quali pu˛ anche chiedere di essere sentito) al fine di esporre le proprie ragioni, sia allo scopo di ottenere l'archiviazione del procedimento sia al fine di richiedere l'applicazione della sanzione minima possibile

LA FASE ISTRUTTORIA PRESSO L'UFFICIO SANZIONI
Qualora l'interessato non abbia effettuato il pagamento liberatorio versando l'importo indicato sul processo verbale l'Ufficio Sanzioni esamina la fondatezza della contestazione, sia dal punto di vista dei fatti che delle norme eventualmente violate. Per meglio valutare le circostanze che hanno indotto l'organo accertatore a redigere il verbale, anche alla luce degli scritti difensivi dell'interessato e a seguito della sua audizione, pu˛ chiedere chiarimenti o controdeduzioni all'organo accertatore e, conclusa l'istruttoria, emette un provvedimento che pu˛ essere:
- una ORDINANZA DI ARCHIVIAZIONE, qualora verifichi che il provvedimento presenta difetti formali o carenze sostanziali, sia per quanto riguarda la violazione in sÚ che per quanto concerne le modalitÓ di contestazione;
- una ORDINANZA INGIUNZIONE DI PAGAMENTO se, invece, ritiene che il fatto costituisca illecito amministrativo, l'interessato sia effettivamente responsabile della violazione e il procedimento si sia svolto in modo corretto.In questo caso, qualora la norma sanzionatoria lo preveda, l'ufficio dispone di un potere discrezionale di determinazione della misura della sanzione tra un minimo e un massimo, che saranno applicati in relazione sia allo svolgimento dei fatti specifici che al comportamento mantenuto dall'interessato nel corso della vicenda e della sua attivitÓ economica in generale.

LA FASE SUCCESSIVA ALL'ORDINANZA
Nel caso in cui all'interessato venga notificata ORDINANZA-INGIUNZIONE di pagamento, il sanzionato si trova di fronte a varie alternative
Ě Pu˛ pagare in un'unica soluzione entro 30 gg. dalla notifica dell'ordinanza (la ricevuta del pagamento deve essere presentata all'ufficio); ovvero estinguere il proprio debito a rate, nel caso sussistano condizioni disagiate, qualora l'ufficio, a seguito di domanda motivata, glielo conceda; la domanda va presentata in carta semplice all'Ufficio Sanzioni, entro 30 gg. dalla notifica dell'ordinanza;
Ě Se non provvede al pagamento, l'Ufficio Sanzioni procederÓ all' esecuzione forzata, con l'iscrizione della posizione a ruolo, applicando alla sanzione pecuniaria una maggiorazione del 10 % per semestre compiuto di ritardo, pi¨ l'interesse maturato per le frazioni di semestre;
Se decide di impugnare il provvedimento, il soggetto sanzionato pu˛ fare opposizione nei confronti dell'ordinanza al Giudice di pace, oppure al Tribunale nei casi di sua competenza, come ad esempio quando Ŕ avvenuto il sequestro di beni, o in particolari materie. L'impugnazione non Ŕ di per sÚ automaticamente sospensiva dell'obbligo di pagamento della sanzione