Brevetto per invenzione industriale

Brevetto per invenzione industriale


Il brevetto Ŕ il titolo in forza del quale viene conferito il monopolio temporaneo di sfruttamento sul trovato oggetto del brevetto stesso e consiste nel diritto esclusivo di realizzarlo, di disporne e di farne oggetto di commercio.
In particolare, il brevetto per invenzione industriale tutela una soluzione nuova e originale ad un problema tecnico - sia di prodotto che di procedimento - che implichi un'attivitÓ inventiva e sia atta ad avere un'applicazione industriale articolo 45 e successivi del Decreto Legislativo 10 febbraio 2005, n. 30.
Il brevetto per invenzione industriale dura 20 anni dalla data di deposito della domanda, senza possibilitÓ di rinnovo o proroga.

Non sono considerate come invenzioni e quindi non possono essere coperte da brevetto:


- le scoperte, le teorie scientifiche e i metodi matematici;
- i piani, i principi ed i metodi per attivitÓ intellettuali, per gioco o per attivitÓ commerciale ed i programmi di elaboratore;
- le presentazioni di informazioni;
- i metodi per il trattamento chirurgico o terapeutico del corpo umano o animale e i metodi di diagnosi applicati al corpo umano o animale (questa disposizione non si applica ai prodotti, in particolare alle sostanze o alle miscele di sostanze, per l'attuazione di uno dei metodi nominati);
- le razze animali ed i procedimenti essenzialmente biologici per l'ottenimento delle stesse (la disposizione non si applica ai procedimenti microbiologici ed ai prodotti ottenuti mediante questi procedimenti).



REQUISITI PER LA REGISTRAZIONE



Per la registrazione di un brevetto per invenzione industriale devono essere soddisfatti alcuni requisiti:


1. novitÓ: il trovato non deve essere compreso nello stato della tecnica, e cioŔ divulgato e reso accessibile al pubblico, in Italia o all'estero, prima della presentazione della domanda mediante descrizione scritta od orale, utilizzazione o un qualsiasi altro mezzo, o contenuto in domande di brevetto nazionale o di brevetto europeo o internazionale designanti o aventi effetto per l'Italia, con data di deposito anteriore e giÓ pubblicate o rese accessibili al pubblico;
2. attivitÓ inventiva: il trovato non deve risultare in modo evidente dallo stato della tecnica, a giudizio di una persona esperta del ramo;
3. applicazione industriale: il trovato deve poter essere fabbricato o utilizzato in qualsiasi genere di industria , compresa quella agricola;
4. liceitÓ: l'oggetto del trovato non deve essere contrario all'ordine pubblico o al buon costume.

á

RICERCHE DI ANTERIORITA'



Dal sito dell'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi Ŕ possibile accedere alle banche dati nazionale ed europeaáe internazionaleá(UAMI / EPO / WIPO) per ricerche sulle invenzioni industriali.
Con il Decreto Ministeriale 27 giugno 2008, Ŕ introdotta anche in Italia la ricerca di anterioritÓ per le domande di brevetto di invenzione industriale, depositate dal 1 luglio 2008, per le quali non Ŕ rivendicata una prioritÓ.
l'Ufficio Europeo dei Brevetti (EPO) Ŕ l'autoritÓ competente ad effettuare tali ricerche e a redigere i rapporti di ricerca secondo le modalitÓ previste nell'Accordo tra il Ministero dello sviluppo economico - Ufficio italiano brevetti e marchi (UIBM) e l'Organizzazione europea dei brevetti del 18 giugno 2008.


MODALITA' DI REGISTRAZIONE



Per ottenere la registrazione di un brevetto per invenzione industriale occorre presentare presso l'Ufficio Brevetti e Marchi della Camera di Commercio (a Cagliari in Via Angioy, 83) questi documenti:
1 la domanda compilata esclusivamente secondo il modello editabile, reso disponibile nel sito dell'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi. La stessa va presentata allo sportello giÓ compilata in videoscrittura (non si accettano moduli manualmente compilati). A corredo della domanda cartacea devono essere prodotti i diritti di segreteria.

1a istruzioni per la compilazione della domanda;

2 il riassunto;
3 la descrizione;
4 le rivendicazioni;
5 la traduzione delle rivendicazioni in inglese; in alternativa va corrisposto un diritto pari a 200 euro per la traduzione a carico dell'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, da aggiungere ai diritti di deposito;
6 i disegni, obbligatori se richiamati in descrizione;
7 attestazione di versamentoádelle concessioni governativeá
8 Attestazione di versamento dei diritti di segreteria per deposito invenzione, da effettuare sul c/c postale n. 11192093 intestato alla Camera di Commercio di Cagliari, pari a:
Ą 43,00 se si richiede nella domanda copia autentica del verbale di deposito;
Ą 40,00 se si richiede copia non autentica;
9 una marca da bollo da 16,00 euro se si richiede copia autentica del verbale di deposito.


Il deposito della domanda e degli allegati presso la la Camera di commercio di Cagliari pu˛ essere effettuato dal lunedý al venerdý, fra le 9 e le 12. Chi effettua il deposito, se persona diversa dal richiedente, dovrÓ presentare una delega in carta semplice, alla quale va allegata fotocopia di un valido documento di identitÓ del richiedente stesso.

Per informazioni rivolgersi a:

UFFICIO MARCHI E BREVETTI

indirizzo Via G. M. Angioy, 83 primo piano - 09124 Cagliari
telefono 070/60512387-382-386
mail regolazionedelmercatopolifunzionale@ca.camcom.it
note PEC: regolazionedelmercatopolifunzionale@ca.legalmail.it // Orari di sportello al pubblico: dal lunedý al venerdý dalle ore 9.00 alle ore 12.00