Camera di Commercio di Cagliari - Carnet TIR



sabato 22 settembre 2018




Diritto Annuale

Atti Depositati

verifichePA


Fatturazione Elettronica



Carnet TIR

Carnet TIR

1. IL REGIME TIR
Il regime TIR (Transport International Routier), Ŕ stato istituito con la Convenzione del 15 gennaio 1959 allo scopo di semplificare le formalitÓ doganali cui sono soggetti i trasporti internazionali su strada al passaggio dei valichi di frontiera, poi modificato dalla Convenzione adottata a Ginevra il 4 novembre 1975, approvata dalla ComunitÓ Europea con Regolamento n. 2112/78 CE e ratificata dall'Italia il 12 agosto 1982.
Tale regime grazie al "Carnet TIR" rende possibile il trasporto internazionale di merci su strada senza che il carico sia soggetto al pagamento o al deposito di dazi presso gli uffici doganali di passaggio, nÚ debba sottostare a controlli doganali ulteriori a quelli normalmente previsti presso la dogana di partenza e quella di destinazione.
Nell'ambito della ComunitÓ europea le spedizioni in regime TIR sono ammesse unicamente quando il trasporto ha inizio o destinazione in un Paese terzo.
Per poter fruire dei benefici previsti dalla Convenzione, il trasportatore di merci con veicoli stradali o con containers caricati su tali veicoli deve essere iscritto in un apposito Registro istituito presso l'Unione Italiana delle Camere di Commercio ("Registro TIR").
L'automezzo di proprietÓ della ditta deve essere provvisto del Certificato di Approvazione rilasciato dal Ministero dei Trasporti D.G. Motorizzazione Civile e dei Trasporti in Concessione.

á

2. NATURA E CARATTERISTICHE DEL CARNET TIR
Il carnet TIR Ŕ uno speciale documento di garanzia emesso dall'IRU (International Road Transport Union di Ginevra) che permette ad un carico di merce trasportato su un veicolo di attraversare pi¨ frontiere senza essere sottoposto a visite doganali, oltre a quelle normalmente previste alla dogana di partenza ed a quella di destinazione, a condizione che una parte del tragitto tra l'inizio e la fine dell'operazione TIR sia effettuato su strada.
E' un documento che accompagna la merce e non il trasporto per cui la temporanea importazione rimane soggetta alle formalitÓ prefissate dai singoli ordinamenti nazionali.



3. PAESI ADERENTI ALLA CONVENZIONE TIR
I Paesi che aderiscono alla Convenzione TIR sono i seguenti:
Albania, Armenia, Austria, Azerbaijan, Belgio, Bielorussia, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Ex Repubblica Iugoslava di Macedonia, Finlandia, Francia, Georgia, Germania, Giordania, Gran Bretagna, Grecia, Iran, Irlanda, Israele, Italia, Kazakhstan, Kirghizstan, Kuwait, Lettonia, Libano, Lituania, Lussemburgo, Malta, Marocco, Moldavia, Mongolia, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Romania, Russia, Siria, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Tajikistan, Tunisia, Turchia, Turkmenistan, Ucraina, Ungheria, Uzbekistan.



4. RILASCIO DEL CARNET TIR
Il rilascio dei Carnets pu˛ avvenire da parte di una delle 35 Camere di Commercio abilitate nel territorio nazionale o direttamente dall'Unioncamere (tel. 06/ 47041), soltanto a trasportatori della stessa nazionalitÓ dell'Associazione emittente.



5. ISCRIZIONE AL REGISTRO TIR
La domanda di iscrizione al Registro sottoscritta dal legale rappresentante deve essere indirizzata all'Unioncamere corredata dai seguenti documenti:1. Certificato del Casellario Generale Giudiziario del titolare o del legale rappresentante della Ditta;2. Certificati di carichi pendenti del titolare e/o del legale rappresentante rilasciati dalla Procura della Repubblica;3. Dichiarazione di residenza del titolare o del legale rappresentante della Ditta, resa ai sensi della legge 4 gennaio 1968 n. 15 e successive integrazioni e modificazioni (autocertificazione);4. Certificato antimafia;5. Certificato di iscrizione all'Albo Nazionale degli autotrasportatori, qualora obbligatoria per l'esercizio del trasporto.6. Dichiarazione relativa al parco automezzi e relativa documentazione attestante la proprietÓ degli automezzi (fotocopie dei fogli complementari o dei fogli di via);7. Dichiarazione relativa al numero degli operai e degli impiegati;8. Dichiarazione d'impegno della Ditta a presentare, in caso di favorevole esito della procedura: a) una garanzia fideiussoria a favore dell'Unione rilasciata da banche di primaria importanza, o una garanzia assicurativa rilasciata da istituti assicurativi abilitati a prestare cauzione per gli Enti pubblici, il cui ammontare viene fissato dal Comitato per l'ammissione al Servizio TIR, di cui al successivo art. 7 sulla base delle direttive dell'IRU (International Road Transport Union ? ente gestore della catena di garanzia internazionale) e secondo il testo predisposto dall'Unioncamere; b) la dichiarazione d'impegno sull'utilizzo del Carnet TIR, secondo il testo predisposto dall'IRU, sottoscritta dal legale rappresentante della Ditta, la cui firma dovrÓ essere autenticata.



6. COMPOSIZIONE DEL CARNET TIR
Il carnet TIR Ŕ composto da una copertina e da diversi fogli interni (volets), 14 o 20 a seconda del numero di frontiere da attraversare, staccabili dalle rispettive matrici (souches) ed utilizzabili per la presa in carico del documento da parte dei singoli uffici doganali di partenza, di passaggio, di destinazione, e per il successivo scarico.
Ě La prima parte della copertina riporta in alto il nome dell'organizzazione internazionale alla quale Ŕ affiliato l'Ente che ha emesso il documento, il numero del carnet e dei volets in esso contenuti, la data di scadenza, la denominazione della ditta trasportatrice e la sua sede, la firma del delegato dell'Ente di emissione, la firma del segretario dell'organizzazione internazionale predetta.
Ě Nella seconda parte della copertina figurano il Paese di partenza e quello di destinazione, il numero di immatricolazione del veicolo, il certificato di approvazione del veicolo o del contenitore, il numero di identificazione del contenitore, la firma del titolare del carnet.
Ě Nella seconda pagina della copertina sono riportate le istruzioni relative all'impiego del carnet TIR in lingua francese, riprodotte in inglese nella terza pagine della medesima copertina.
I fogli interni del carnet, staccabili dalla relativa matrice tranne il primo che deve essere conservato nel documento, sono a loro volta suddivisi in due parti, di cui la prima, denominata "manifesto delle merci", Ŕ riservata alla descrizione delle merci trasportate, mentre la seconda Ŕ destinata alle attestazioni della dogana.



7. MERCI AMMESSE AL TRASPORTO IN REGIME TIR
Di regola sono ammesse tutte le merci.
Le merci soggette a visita doganale in forza di normative in materia sanitaria, fitopatologica o di polizia devono essere accompagnate dalle prescritte autorizzazioni rilasciate dalle autoritÓ competenti del Paese di partenza.
Esistono inoltre norme particolari, istituite per contrastare l'uso fraudolento dei carnets TIR, che sovrintendono al trasporto di alcune merci dette "sensibili" (es.: carne, animali vivi, latte liquido o in polvere, burro, zucchero, apparecchi hi-fi, computers, videoregistratori e pezzi di ricambio, ecc.).

á

8. VALIDIT└
Il carnet TIR ha una validitÓ di 45 giorni dalla data del rilascio (prorogabile di 15 giorni solo in caso di estrema necessitÓ e previa autorizzazione dell'Unioncamere).
Se il carnet Ŕ stato preso in carico dall'ufficio doganale di partenza entro i termini di scadenza, resta valido e potrÓ essere utilizzato fino all'arrivo del trasporto a destinazione.
L'utilizzo del carnet TIR si intende concluso con il regolare scarico doganale presso la dogana di destinazione e la restituzione del documento alla Camera di Commercio emittente, restituzione che deve avvenire entro una settimana dal rientro in sede.



9. UTILIZZO DEL CARNET TIR
Il documento deve essere presentato alla dogana di partenza insieme al veicolo. Non deve recare cancellature o modifiche supplementari e qualsiasi rettifica deve essere convalidata dalle autoritÓ doganali.
I veicoli autorizzati sono identificati con una speciale targa rettangolare portante l'iscrizione TIR, apposta nelle parti anteriore e posteriore del veicolo.
La Convenzione del 1975 prevede la possibilitÓ di utilizzare un solo carnet TIR per un autotreno o per pi¨ contenitori caricati su un solo veicolo stradale o su un autotreno. In tal caso, il "manifesto delle merci" del carnet TIR deve menzionare separatamente il contenuto di ogni veicolo facente parte di un autotreno o di ogni contenitore.



10. DIRITTI DI SEGRETERIA
I diritti di segreteria per i carnets composti da 14 volets Ŕ di Ą 92.40 (IVA compresa) e per quelli composti da 20 volets Ŕ di Ą 99,60 (IVA compresa).