Notizie dalla Camera

01.04.2015 - SPLIT PAYMENT (DAL 1░ GENNAIO 2015)

L'Art. 1, comma 629, lettera b) della Legge di StabilitÓ 2015 (L. 190/2014) introduce l'art. 17-ter del D.P.R. n. 633/1972 il quale dispone per le cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate nei confronti della Pubblica Amministrazione il meccanismo della scissione dei pagamenti dell'IVA, cosiddetto Split Payment.

Le Pubbliche Amministrazioni, incluse le Camere di Commercio, devono versare direttamente all'Erario l'Iva addebitata dai fornitori e pagare a quest'ultimi solo l'imponibile.
Il meccanismo della scissione dei pagamenti si applica alle operazioni fatturate a partire dal 1░ gennaio 2015.


Non si applica agli acquisti di beni e alle prestazioni di servizi soggetti al "reverse charge" e ai compensi per prestazioni di servizio assoggettate a ritenute alla fonte a titolo di imposta sul reddito.


Il fornitore deve emettere la fattura con addebito dell'IVA (che verrÓ versata direttamente dall'ente) indicando nel documento "scissione dei pagamenti".
Il fornitore non deve versare l'IVA su tali fatture ma ne esegue l'annotazione e, in sede di liquidazione periodica, non computa a debito l'IVA ivi indicata.


Con circolare n.1/E del 09 febbraio 2015 del Direttore dell'Agenzia delle Entrate sono stati forniti i primi chiarimenti operativi.



RIFERIMENTI NORMATIVI:


Legge del 23 dicembre 2014, n. 190


Decreto M.E.F. del 23 gennaio 2015


Circolare n. 1/E del 09/02/2015 - Agenzia delle Entrate


Art. 17-ter del D.P.R. 633/1972